Categoria: Under 8

U8 Amatori Napoli Rugby
(nati nel 2010 e 2011)

Orari degli allenamenti:
Lunedì dalle 16.45 alle 18.15
Martedì dalle 18.00 alle 19.30 (solo nati 2010)
Giovedì dalle 16.45 alle 18.15
Sabato dalle 12:00 alle 13:30

EducAllenatori:
Mariangela Bernardo, Carlo Fasano e Vincenzo Iacuaniello

Dirigenti:
Luca Cuttitta, Barbara De Manes, Marco Farina.

Atleti:
Davide Andolfo, Lorenzo Ascione, Daniele Caccavale, Alessandro Cerruti, Giovanni Crocco, Michele Cuttitta, Antonio Renato Duca, Riccardo Farina, Paolo Gargiulo, Andrea Greco, Gabriele Greco, Emanuele Iovine, Igino Lalli, Livio Picardi, Maxim Serra, Francesco Simonelli, Riccardo Sorrentino, Matteo Squillace, Mattia Thomas D’Agiout, Alessandro Vacca, Emanuele Vecchione, Lorenzo Vigo.

News Under 8

Minirugby torneo Portus di Fiumicino del 14 ottobre 2018

Un mio vecchio allenatore mi diceva che, se la sera prima di una partita avessi dormito serenamente, allora mi sarei dovuto seriamente preoccupare, perché stava a significare che non ero giustamente teso per quella partita. Sabato sono andato a dormire alle 21,00, sapendo di dovermi svegliare alle 4:30 del mattino. All’una e trenta mi si sono aperti gli occhi; niente, non sono più riuscito a richiuderli. Alle 4:00 mi alzo, mi preparo, e alle 5:30 sono puntualissimo all’appuntamento con i miei bambini, gli altri tecnici e i dirigenti.

Partenza quasi puntuali alle 5:45. Maciniamo chilometri senza sosta e alle 8:30 puntuali arriviamo al campo del rugby Fiumicino. 46 squadre: 14 under 6, 16 Under 8 e 16 under 10. Immediatamente negli spogliatoi, ci cambiamo, piccolo discorso pre partita. Io do le maglie ai piccoli dell’under sei, Carlo nomina il capitano dell’under 8 e distribuisce assieme a lui tutte le maglie. Io nomino poi i capitani della under 10 ed assieme a loro distribuisco le maglie agli altri bimbi. Rapidissimo riscaldamento, inizia il torneo.

Le partite si susseguono: placcaggi, mete, sorrisi, pianti, il tifo dei genitori, i fischi degli arbitri, le urla di incitamento degli educatori. Un turbinio di emozioni. I bimbi giocano tutti e tutti giocano praticamente lo stesso numero di minuti. Sono tutti felicissimi, loro non perdono mai: vincono o imparano qualcosa. Loro giocano, non gli importa quanto giocano, loro giocano e basta. Percepiscono nettamente la vittoria e la sconfitta, è ovvio, non sono degli stupidi, ma restano comunque dei bambini. Alla fine della giornata sono tutti sorridenti. Gli under 10 arrivano undicesimi su 16 squadre, gli under 8 arrivano decimi su 16 squadre, gli under 6 arrivano primi nel torneo, su 14 squadre. Un grazie davvero enorme al rugby Fiumicino che ha organizzato un bellissimo torneo, un grazie ai genitori che come al solito affidano a noi i loro bambini; grazie dirigenti, grazie a Carlo amico e compagno ineguagliabile, grazie a tutte le squadre che hanno partecipato al torneo e che hanno voluto giocare con noi; ma il mio enorme grazie va ai tecnici educatori, Massimo ed Alberto, delle Fiamme Oro e ai loro bambini della under sei, senza i quali questa giornata non sarebbe stata la stessa.

Torneo di Benevento minirugby e propaganda – 07/10/2018

Ed anche quest’anno abbiamo iniziato nuovamente.
Un pochino prima degli altri anni. Qualcuno ha scelto di fare altro, qualcuno si è aggiunto (Federico, Riccardo, Livio, Matteo), qualcuno gioca la sua prima partita ufficiale dopo l’infortunio (Mario): gli under 6 motivatissimi (in pochi ma fortissimi), gli under 8 spaesati all’inizio si sono poi sciolti, gli under 10 numerosi e con una ottima predisposizione al gioco, gli under 12 non hanno raggiunto il numero minimo, ma quelli presenti (per me) hanno vinto il torneo già solo per il fatto di esserci.


Come prima uscita siamo soddisfattissimi per l’atteggiamento dei presenti, felici per il gioco visto, dispiaciuti per gli assenti: dispiaciuti per loro, mica per noi! Nella vita quando non fai una cosa che potevi fare, “non sai (mai) quello che ti sei perso”.
Un grosso grazie agli amici di Benevento per l’ospitalità, un grazie a tutte le squadre che hanno giocato con noi ed uno in particolare a Daniele Genito per le belle foto della manifestazione.
Grazie ai genitori che, ogni volta, decidono di affidare i loro figli al “rugby” e a noi in particolare: a quelli che, come dirigenti, sentono tutti i bambini come fossero loro figli, a quelli che rinunciano a qualcosa per incitare tutti, a quelli che ci portano da mangiare “la qualunque” (casatielli, peperoni imbottiti, paste di ogni tipo), a quelli che ci offrono un caffè o una birra. Grazie ai “miei” ragazzi educallenatori, che aiutano il rugby.
Ed ora a Fiumicino