Categoria: Under 16


U16 Rugby Napoli Afragola

Franchigia Amatori Napoli R. – Afragola R.
Orari degli allenamenti:
Martedì e Mercoledì dalle 18.30 alle 20.30
Venerdì dalle 15.30 alle 17.30

Allenatori:
Roberto Carotenuto – Alessandro Quarto – Luca Varriale

Dirigenti:
Stefano Fiore
Atleti:
Angrisano Luca, Antonelli Andrea, Bartoletti Francesco, Bonifico Antonio, Casaccio Gianfranco, Catania Claudio, Cecere Dario, Coluccelli Giuseppe, Cotugno Salvatore, d’Alessandro Renato, Del Gaudio Giovanni, Del Gaudio Vincenzo, Di Porzio Pasquale, Fatigati Antonio, Fernandez Flavio, Ferrara Andrea, Fiore Adriano, Francillo Valerio, Gentile Walter, Huqi Lorenzo, Longo Jacopo, Mangiapia Michelangelo, Ortiero Pierluigi, Pirone Davide, Pirone Emanuele, Ramaglia Simone, Salemme Matteo, Scamardella Valerio, Scherillo Yuri, Stazio Andrea, Venezia Claudio, Vitiello Fabio

News Under 16 regionale

U16: Rugby Napoli Afragola vs IV Circolo Benevento (5-58)

Il villaggio del Rugby di Napoli oggi ha ospitato l’ennesimo incontro del campionato regionale U16 che ha visto i padroni di casa schierati con il IV Circolo Benevento.

Partita combattuta, molto fisica dal risultato ipotecato dagli ospiti sin dalle prime battute.

La squadra di casa infatti, giovane ed eterogenea, non ha potuto far altro che prendere atto del miglior posizionamento in campo dei cugini beneventani.

Ciò non toglie che la compagine casalinga ha combattuto su tutti i palloni.

Si è evidenziata inoltre una netta ed importante crescita degli atleti sia individuale che collettiva e la meta messa a segno dall’Amatori ne è degno suggello.

Partita dura dicevamo ma sempre corretta, mai i toni sono stati sopra le righe e la stessa armonia si è ritrovata al III tempo dove, come buona regola, dopo aver condiviso il sudore in campo, si è condiviso il cibo.

Insomma, come quasi sempre accade, i campi di rugby hanno regalato anche oggi una bella domenica.

U16: RNA vs Partenope Rugby (12-89)

Nella sua seconda uscita stagionale, la formazione RNA U16 impegnata nel campionato regionale aveva di fronte quella che a buon titolo può essere considerata la ‘favorita’ della seconda fase, vale a dire la Partenope Rugby. Oltre a scontare ancora le inevitabili difficoltà legate a questa fase di avvio di una esperienza (e di una squadra) tutta da costruire, l’impegno è stato reso ancora più duro da una serie di forzate assenze dell’ultimo minuto, che hanno ridotto all’osso il numero dei presenti, costretti, non solo a rimanere sempre in campo, ma a farlo spesso in ruoli per loro poco usuali. La severità del punteggio finale, se certamente rende merito alle qualità dell’avversario, tuttavia oscura un po’ il coraggio e la disponibilità al sacrificio che i 15 ragazzi scesi (e rimasti) in campo hanno mostrato per tutta la durata della partita, mostrando peraltro alcune buone cose e più di qualche potenzialità. Le due settimane di sosta che il calendario concede consentiranno una prima ‘messa a punto’, che – si può essere certi – consentirà di uscire dalla fase emergenziale (comunque affrontata e superata) per entrare in quella della programmazione ordinata, sul piano tecnico e su quello organizzativo, consentendo alla RNA di raccogliere anche nel campionato regionale U16 qualche soddisfazione, che in particolare i ragazzi meritano senza alcun dubbio.

U16: CFC Pozzuoli Rugby vs RNA (26 – 7)

Nella stessa domenica in cui la U16 esordiva vincendo a Catania nel primo turno del campionato interregionale, a Pozzuoli, opposta ai padroni di casa, esordiva anche la squadra U16 che parteciperà al campionato regionale, la cui seconda fase si è appena aperta.
La decisione di iscrivere una seconda squadra RNA al campionato regionale, nasce dal concretizzarsi di un accordo di collaborazione con lo Scampia Rugby i cui tesserati sono confluiti nelle fila del RNA, con il duplice obiettivo di consentire al maggior numero possibile di atleti delle due società di giocare con continuità, assicurando occasioni di crescita che solo il ‘campo’ e la sfida agonistica sono in grado di offrire e, allo stesso tempo, avviare e sperimentare un percorso di collaborazione tecnica e organizzativa con altre società della provincia nel settore giovanile, con una proiezione verso le categorie superiori. Un sentito ringraziamento dunque allo Scampia Rugby e al Rugby Vesuvio che dopo aver unito le loro forze, hanno deciso coraggiosamente di intraprendere questa strada comune. Tutti i protagonisti di questa nuova avventura sono consapevoli della difficoltà di un progetto che richiederà risorse, pazienza, impegno e sacrificio, necessari per favorire innanzitutto l’amalgama tra ragazzi provenienti da realtà diverse e accomunati però dalla stessa voglia di giocare a rugby, ma c’è la convinzione che questa sia la strada giusta e grande fiducia che i risultati, alla fine, daranno ragione a chi ha creduto a quello che, ad una osservazione superficiale, potrebbe apparire un azzardo.
Il primo scoglio dell’esordio è stato superato, uscendo sconfitti con onore dal campo del Pozzuoli.
I tempi strettissimi nei quali l’operazione è stata realizzata non hanno consentito neppure di iniziare quel che invece è il programma che parte da oggi, vale a dire la costruzione di una squadra.

p.s.. tra le cose da mettere a punto anche la documentazione fotografica, ma dalla prossima settimana i passi in avanti su tutti i fronti saranno evidenti.

Christmas Rugby Challenge U16

La seconda edizione del Christmas Challenge U16 conferma la bontà della intuizione che lo scorso anno ha indotto l’Amatori Napoli a scommettere sulla possibilità e sulla utilità di una formula che offre alle squadre partecipanti l’occasione per importanti verifiche in un contesto di condivisione e di festa.

Al termine della prima fase della stagione e prima di essere risucchiati, volenti o nolenti, dal vortice natalizio, anche quest’anno il Challenge ha dato occasione a più di 130 ragazzi di vedere ‘a che punto siamo’ prima di affrontare la seconda parte di una stagione, che ha già segnato il suo spartiacque tra chi affronterà l’élite e chi proseguirà la propria crescita entro i rispettivi orizzonti regionali. Ma per quelli stessi ragazzi e per chi li ha accompagnati il Challenge è stata ovviamente anche la cornice entro la qual iscrivere una giornata trascorsa insieme a chi condivide le stesse passioni e la medesima voglia di viverle con gli altri.
E allora, prima di qualche breve nota di cronaca un caloroso e sentito ringraziamento a chi, accettando il nostro invito, ha riempito con la sua presenza lo spazio all’interno di quella cornice.

Grazie dunque al Colleferro Rugby che è tornato portando la qualità del suo gioco e l’amicizia che ci ha sempre dimostrato; ci incontreremo ancora nel girone del campionato élite che vedrà le nostre due squadre protagoniste e sarà, come sempre, un piacere.


Grazie al Nea Ostia, anche questo un gradito ritorno, fortemente voluto a dispetto degli imprevisti che non hanno né impedito la presenza, né attenuato la voglia dei laziali di farsi valere sul campo, dove hanno dimostrato tutto il loro valore.


Grazie a l’Unione Rugby L’Aquila che per la prima volta veniva a farci visita, rinnovando sotto una nuova denominazione una tradizione e uno spirito dei quali i ragazzi abruzzesi hanno mostrato di essere degni interpreti.


Grazie agli oltre quaranta ragazzi che hanno composto le due franchigie campane venute a testimoniare la varietà e la ricchezza del rugby giovanile della nostra regione.
Grazie infine agli atleti U16 RNA che anche in questa occasione hanno saputo rappresentare al meglio, dentro e fuori il campo, i valori che la società alla quale appartengono si sforza di trasmettere. Il solo piccolo rammarico riguarda le (assai) numerose assenze, che, per le ragioni più diverse, hanno decimato le normalmente nutrite fila del RNA.

La descrizione di questa giornata non sarebbe però completa se non ricordassimo che sul campo le squadre hanno onorato l’impegno, sfidandosi a viso aperto e – ma nessuno ne dubitava – senza risparmiarsi.

E se bisogna dare atto che il Colleferro, meritatamente primo alla fine, si è mostrato, in questo torneo, un gradino sopra le altre, in tutti gli incontri è stato comunque possibile vedere del buon rugby, una grande combattività e spesso un equilibrio che ha aggiunto pathos ed emozione, come nel caso della partita tra RNA e Nea Ostia risolta solo all’ultima azione o nella finale per il terzo posto conclusa con punteggio pari e poi decisa ai drop.


Questa la classifica finale: 1° Colleferro Rugby – 2° RNA – 3° Unione l’Aquila Rugby – 4° Nea Ostia – 5° Campania Nord – 6° Campania Sud.
Il Challenge non è stato dunque solo un bel modo per chiudere un anno che ha già portato importanti soddisfazioni, ma anche un modo, allo stesso tempo ideale e concreto, per prendere lo slancio necessario ad affrontare il 2019. L’augurio, per i nostri ragazzi e per voi tutti, è che sia un magnifico anno.