Categoria: Campionati

U18 femminile: IV tappa Campionato Interregionale

“Prima sconfitta in casa Amatori”

Le ragazze Under 18 cedono il passo alle inseguitrici della Polisportiva Tetras nella quarta tappa stagionale. Tra le mura amiche del Villaggio del Rugby, in una mattinata soleggiata, sono infatti le abruzzesi a conquistare la vittoria di tappa, riuscendo a prevalere sulla nostra formazione in una gara molto combattuta, giocata punto a punto.

Quest’ultima è risultata essere l’unica partita valida, dato che sia Partenope che Afragola si sono presentate a numeri non completi. Approfittando anche di ciò, insieme a tutti i tecnici presenti, si è concordato poi di completare la tappa con un confronto a XV a ranghi misti, anziché proseguire con gare senza validità nel solito format dell’ “X Rugby”, questo per dare continuità al lavoro di sviluppo e avvicinamento al rugby , “quello vero” (concedetemi di aggiungere), verso cui tutti e tutte dovremmo man mano, tendere sempre di più lo sguardo, soprattutto in logica, neanche troppo, futura.

Tornando alla gara con le Tetras (della quale non vogliamo dilungarci troppo), un passo falso che non stupisce lo staff, anzi conferma le cattive sensazioni e previsioni della vigilia. Le tante e troppe assenze, un atteggiamento fin troppo rilassato e la poca volontà e propensione al sacrificio dimostrato da entrambi gruppi U16 e U18 negli ultimi allenamenti sono stati segnali molto negativi, che poi si sono confermati nella prestazione odierna.

Difatti, pur con i dovuti complimenti alla squadra avversaria per i netti miglioramenti espressi in campo, prestazione sotto tono per le nostre, che dovranno ora rialzare la soglia di attenzione e concentrazione, oltre che di morale, verso gli obiettivi prefissati.

Se “la domenica è lo specchio della settimana” non resta che ricominciare già dalla prossima, a lavorare TUTTI duramente negli allenamenti in vista dell’ultimo impegno pre-natalizio.

PS. A margine, siamo molto felici e davvero entusiasti per l’esordio in campo di Katia Vatulina e il ritorno in squadra di Mariapia Di Porzio, reduce da acciacchi fisici, che hanno comunque ben figurato. Brave!

Risultati:
ANR vs Pol. Tetras: 10 – 17

Formazione: d’ALESSANDRO Arianna, SIMONETTI Sara, MONTELLA Roberta, TROIANIELLO Eleonora, D’AVANZO Giuliana, IVANCIU Alexandra, VATULINA Katia, DI PORZIO Mariapia.
A disposizione: MARTINO Francesca.

All. LAURIA Luca – MONTELLA Simone
Dir. TROIANIELLO luigi

U16-U14 femminile: IV tappa Campionato Interregionale

“Doppia vittoria in casa Amatori”

Giornata ricca di soddisfazioni per i colori verdeblù dell’Amatori Napoli Rugby, quella di sabato sul campo “F. Casino” di Santa Maria Capua Vetere (CE).

Se da un lato la nostra Under 16 si aggiudica nuovamente la vittoria di tappa, la terza di fila da inizio stagione, dall’altro, infatti, sono scese in campo, quasi al completo, anche le ragazzine dell’Under 14, che per la prima volta quest’anno riusciamo a schierare in numero valido.

Al di là della prestazione e dei risultati, per tutto lo staff questo è motivo di grande orgoglio, poter schierare in campo tutte le categorie al femminile, dall’U.18 all’U.14, avendo così un settore femminile juniores al completo è un grande risultato raggiunto, che al momento solo poche società, oltre la nostra, possono vantare non solo nel Centro/Sud ma nell’intero panorama nazionale.

Fatta questa breve ma doverosa introduzione passiamo alle prestazioni in campo delle due categorie.

Per l’Under16 dicevamo vittoria di tappa che viene fuori dalle due vittorie nei confronti delle padroni di casa del Rugby Clan Santa Maria Capua Vetere (supportate da 2 ragazze delle Partenope) e dell’Amatori Torre del Greco.

Entrambe le gare risultano molto più combattute del previsto, e questo merito soprattutto alla crescita e alla combattività che stanno dimostrando le nostre avversarie nel gioco.

Nonostante le varie modifiche e novità apportate dai coach per la giornata, in primis in diversi ruoli chiave, scelte fatte per allargare le possibilità ed aumentare le carte a disposizione, le nostre ragazze evidenziano tanti miglioramenti nella fase d’attacco, sia nello schieramento che nel ritmo e continuità di avanzamento.

Molto buona anche la tenuta difensiva che con zero mete subite rende inviolata la nostra aerea di meta per la giornata.

A margine, mandiamo un augurio di pronta guarigione sia a Sara che a Giulia, ma soprattutto i complimenti per l’ottimo esordio all’ultima arrivata Nina: Brava!

Per quanto riguarda invece le nostre sette guerriere dell’Under 14, purtroppo orfane ancora di Sara e Alessandra in gita scolastica, rinforzate dalle ormai amiche di Torre del Greco si sono sfidate in un doppio confronto con le ragazze di Partenope e Vesuvio.

Prestazione in crescendo per le nostre, che ad un inizio molto titubante contrappongono una parte finale molto positiva.

Bisogna ancora lavorare molto, sia sul piano individuale che collettivo, oltre che nell’atteggiamento, ma come scritto prima siamo solo all’inizio di un lungo e divertente percorso.

Anche qui non si può non segnalare l’ottimo esordio in gara di Alice e Federica: Brave!

Risultati U16:
ANR vs Santa Maria CV: 21 – 0
ANR vs Torre del Greco: 35 – 0

Formazione U16: CASTAGNA Giada, CASSINI Giulia, CINQUE Nadia, LONGOBARDI Ilenia, MAGGIO Giada, MAIONE Antonella, PUGLISI Giulia, TERRIN Michela, TRINCONE Sara, VINCIGUERRA Nina.
fuoriquota: MAIONE Michela, TROIANIELLO Eleonora

Formazione U14: CAPORASO Asia, COPPOLA Lorenza, COPPOLA Federica, CUTTITTA Marinantonia, EMANATO Alice, MEGNA Chiara, MERRILLS Mariateresa.

All. LAURIA LUCA – MONTELLA SIMONE
Dir. CINQUE GIANCARLO – SPINA DANIELA

A Bagnoli non si passa: quinta vittoria per l’Amatori Napoli

Il Mattino.it, 1 Dicembre 2019

di Diego Scarpitti

Dicembre si apre come si è chiuso novembre. Una bella vittoria contro Pesaro (33-17), quasi identica fotocopia del match con Perugia. I verdeblù escono nel secondo tempo alla distanza, capitan Alessandro Quarto e soci conquistano il bonus, incassano 5 punti senza concederne ai marchigiani. Muovono bene la palla i giallorossi nel primo tempo, tanto da mettere in difficoltà i padroni di casa, che si ritrovano sotto all’intervallo (16-17). Assente Agostino Notariello, carbura lentamente l’Amatori. Bucata in due circostanze la retroguardia napoletana (5-10 e 11-17).

Festeggia nel migliore dei modi il suo compleanno Vincenzo Gargano (così come il dirigente Monica Campese), due mete per tempo, alle quali si aggiungono due trasformazioni e altrettanti piazzati.

Maggiore intensità nella ripresa e andamento tutt’altro che lento. Spinta decisiva con gli avanti molto più forti. Innestato il turbo. Suona la carica il barbuto numero 15 partenopeo (26-17). Esce dal campo, sorretto da Vincenzo Fernandez, l’infortunato Paolo Gisonni: gioco interrotto per qualche minuto. Subentra Davide Mele. Immancabile il contributo di Andrea Coppola. La meta della calottina blu vale il 31-17 con la conseguente trasformazione. Girandola di sostituzioni ed entrano Andrea Tizzano, Gianluca Aiello, Valerio Santillo, Guido Pascucci e Roberto Cimaroli.

Desta interesse il campionato di serie A, girone 3, con una classifica corta in vetta. Medicei a 25, Noceto 24, Amatori 23. «Una bella squadra il Pesaro, ben allenata e che gioca un buon rugby. Ci ha messo in difficoltà nel primo tempo ma la nostra prestanza fisica e la panchina lunga hanno fatto la differenza. Nel rugby moderno non bastano 15 giocatori ma occorrono 23-28 atleti, che diano sempre il loro contributo. Continuiamo su questa strada, ad oggi ha giocato l’intera rosa», spiega la strategia adottata il tecnico dell’Amatori, Lorenzo Fusco. «I ragazzi hanno commesso un unico errore: vincere, ovvero svoltare nelle ambizioni. Riprendiamo quel mobile e quel piccolo cassetto chiuso e poi vediamo cosa succede. L’Amatori è una squadra pericolosa e può dare fastidio», argomenta la guida tecnica.

«Il nostro uno sport pragmatico e anglosassone, dove bisogna lavorare in silenzio e applaudire i ragazzi sia quando si vince sia quando si perde. La componente emotiva è forte. Troppo entusiasmo non va bene. Dobbiamo abituarci, come nella vita, che solo il lavoro paga», sentenzia Fusco.

E’ Lucas Belgrano (nella foto di Luigi Petrucci) a regalare la prima meta di giornata, la sua una prova di forza. «Partita bellissima. E’ un piacere giocare con i napoletani. Tutti stanno apprezzando Napoli, squadra forte e di alto livello». Con Salice una convincente coppia di argentini in formazione. «E’ bello giocare con Franco, atleta valido che può ricoprire indistintamente il ruolo di 9 o 10. Fa piacere stare con un conterraneo all’ombra del Vesuvio. Le persone del Sud Italia sono simili agli argentini, quindi è tutto più facile a Napoli», conclude soddisfatto la seconda linea sudamericana, integratasi rapidamente in città e con i compagni di club.

Sorride anche il pilone Marco Aiello. «Partita ben organizzata e studiata in settimana. Il lavoro atletico, grazie al mix magico Felice Di Maio e Francesco Di Fraia, sta apportando frutti». Amatori Napoli in buona salute. «Speriamo di proseguire così. Ogni domenica è una sfida nuova». Neopromossa che non è più una sorpresa. «Il Villaggio del Rugby a Bagnoli è il nostro fortino. Devono andare via di qui preoccupati».

Prossimo turno domenica 15 dicembre a Firenze contro la capolista. Pericolo vertigini.

U16: RNA vs Rugby Benevento (31-0)

Grazie a una netta vittoria (31- 0) nella semifinale di ritorno sui pari età del US Rugby Benevento, dopo il pareggio della gara di andata, la U16 RNA accede alla finale della fase di qualificazione e attende di conoscere il suo avversario.

Il tempo inclemente non ha scoraggiato il tifo che, dagli spalti gremiti del Villaggio del Rugby, ha accompagnato,  caloroso ed incessante, ogni minuto di gioco. Sono stati sessanta minuti intensi, che i nostri ragazzi hanno giocato adattando il loro gioco al clima e agli avversari.

La meta inviolata testimonia il buon lavoro in difesa, soprattutto vicino al punto di incontro e un po’ meno al largo e sulla profondità, anche se rispetto alla scorsa partita i padroni di casa sono apparsi meno impreparati sul gioco al piede del Benevento.

Le touche, in generale bene eseguite nonostante qualche errore dei saltatori e una solida prova della mischia completano il quadro positivo della prestazione dei vincitori di giornata.

I frutti dell’ottimo lavoro svolto durante le ultime due settimane di allenamento sono stati peraltro visibili non solo nella maggiore presenza ed efficacia dei sostegni, nonostante in alcune occasioni siano arrivati con un po’ di ritardo, ma anche negli aiuti che arrivavano dall’interno per  10 e 12 e nello schieramento della linea dei trequarti per difendere il gioco aperto.

Al termine dei due tempi di gioco le due squadre si sono riunite nella Club House per l’immancabile terzo tempo concluso dai dolci amorevolmente preparati dalle mamme dell’Amatori.

Serie C: Rugby Clan SMCV vs Rugby Napoli Afragola (13-18)

Torna alla vittoria la Cadetta del Rugby Napoli Afragola espugnando il campo del Rugby Clan Santa Maria Capua Vetere al termine di una partita molto intensa e combattuta.

Su di un campo reso molto pesante dalla pioggia che si è aggiunta a quella dei giorni scorsi, si affrontavano due compagini reduci da un periodo non brillante.

Sin da subito è apparso chiaro il piano di gioco degli ospiti che hanno scelto di concedere agli avversari il possesso ma di farli partire dai loro 22, tenuto conto appunto delle condizioni del campo e contando forse sulla panchina poco profonda dei padroni di casa; quindi molto gioco al piede e rapide salite difensive.
Dopo pochi minuti il primo centro del RNA, Francesco Marinelli, costringe il suo diretto avversario ad un tenuto a terra e consente alla propria squadra di portarsi in vantaggio con la punizione trasformata dall’estremo De Martino.

I Sammaritani reagiscono e, in superiorità numerica per l’espulsione temporanea del flanker Carratore, si portano nei 22 dei napoletani e pareggiano i conti con un calcio di punizione.

E’ poi la volta degli ospiti di riportarsi avanti nel punteggio siglando una bella meta trasformata ancora da De Martino.

Il primo tempo si chiude con un tentativo di meta del RNA non riuscito perché i difensori del Santa Maria riescono a non far schiacciare la palla a terra; purtroppo nelle fasi di gioco immediatamente precedenti si infortuna la seconda linea Fabio Ferrara, episodio che come vedremo tra poco avrà un suo peso nel prosieguo dell’incontro.

Infatti, al rientro in campo, grazie anche al nuovo pilone schierato dai padroni di casa, il pacchetto degli avanti ospiti inizia a soffrire terribilmente e subisce una sanguinosa serie di mischie che si conclude con tre espulsioni temporanee in rapida sequenza e la meta subita.

Potrebbe essere il momento che segna la svolta a favore del Clan, che continua ad ancorare il suo gioco alle fasi statiche.

Ma è proprio qui che i ragazzi del RNA dimostrano tutto il loro carattere; resistono in 12 limitando i danni ad una sola altra meta subita e, recuperati gli espulsi e fatta ruotare tutta la panchina, riprendono progressivamente in mano le redini del gioco, aumentando l’intensità proprio mentre gli avversari mostrano i segni della fatica.

A pochi minuti dal termine, dopo diverse fasi a ridosso della linea di meta del Santa Maria, un’invenzione del mediano di mischia Luca Lauria, che finta di giocare nel senso per poi aprire improvvisamente sul lato chiuso, consente all’ala napoletana di segnare la meta del sorpasso.

Ci sarebbe ancora tempo per i padroni di casa per recuperare, ma il RNA non molla e proprio allo scadere, su un’inversione di punizione concessa dall’arbitro per proteste, De Martino sigla i tre punti che fissano il punteggio sul 13-18 finale.

Una vittoria che è figlia dello spirito di gruppo, con ogni giocatore a disposizione dei propri compagni sacrificandosi anche in ruoli non propri e con una panchina che ha fatto la differenza.

Man of the Match: tutti i 22 del RNA!

Una nota speciale per Alessandro Petriccione che, nonostante il suo profilo pronunciato, ha offerto un momento di rugby champagne bucando la linea avversaria e, dopo una prodigiosa accelerazione, scaricando la palla al suo compagno in sostegno che, a dire il vero, per segnalare la propria presenza gli ha dovuto letteralmente “tuzzuliare” sulla spalla.

Continua la marcia dell’Amatori: Napoli piega anche Perugia 20-12

Il Mattino.it, Domenica 24 Novembre 2019 di Diego Scarpitti

«No alla violenza sulle donne». La striscia rossa sul viso del presidente dell’Amatori Napoli Rugby, Diego D’Orazio, così come quella sul volto delle mamme-tifose sugli spalti e dei giocatori in campo, indica la condivisione del messaggio. Interpreta i sentimenti dei verdeblù Andrea Coppola. «Siamo schierati con le donne, in campo e nella vita, per contrastare e condannare la violenza di genere».
 
Si fanno valere capitan Alessandro Quarto e compagni contro il Perugia. Terza vittoria casalinga (20-12) e quarta stagionale in cinque gare di serie A. Terzo posto in classifica dietro la capolista Tocana Aeroporti I Medicei a quota 20, Noceto a 19 e napoletani a 18 punti.
 
Analizza la gara il tecnico Lorenzo Fusco. «Avevo avvertito i ragazzi alla vigilia che non sarebbe stata facile. Ho dato spazio al turnover, coinvolgendo quanti avevano un minutaggio minore. Abbiamo interesse ad arrivare alla seconda fase con una rosa pronta. Gli umbri hanno attaccato senza mai metterci in difficoltà. Abbiamo sofferto in mischia chiusa».

Si ritrova sotto il Napoli al minuto 22′ (0-7). Il caloroso pubblico si fa sentire e arriva la risposta immediata in campo. Meta di Simone Parascandalo (23’) e trasformazione di Vincenzo Gargano da almeno 45 metri a riportare la perfetta parità (7-7). Spray per Luciano Dublino: colpo alla spalla sinistra. Scontro di gioco anche per Marco Aiello, che da fisioterapista si rimette subito in sesto. Difesa impenetrabile dei padroni di casa, che bloccano le avanzate umbre. Si mette in luce Francesco Balzi: senso della posizione e tecnica sopraffine. Chiude in vantaggio il primo tempo l’Amatori (10-7). Poggia il pallone sul conetto Gargano (nelle foto di Luigi Petrucci) e il pubblico applaude.

Nella ripresa entrano Gianluca Aiello, Andrea Tizzano e Davide Mele. «Possesso, sicurezza, disciplina». Si ode la voce inconfondibile di Gargano, che richiama i suoi a non distrarsi. Il giocatore in maglia 15 calcia e allunga (13-7). Rientra dopo l’infortunio e si fa apprezzare, vola indisturbato come un fulmine di guerra l’argentino Franco Salice (72’): sua la meta che vale il 18-7, con la compartecipazione del man of the match Gargano (assist e trasformazione: 20-7 e due punizioni piazzate). Accorcia il Perugia (20-12) ma non c’è più tempo. La pioggia non arresta i sogni di gloria dei napoletani, che dimostrano carattere e convinzione.

«Gli avversari sono crollati nel finale come prevedibile. Nel rugby si vince o perde negli ultimi 10 minuti. Non ci sono squadre materasso né elitarie nel girone 3. Si gioca domenica per domenica. Non dobbiamo mai commettere il grave errore di sottovalutare gli avversari», osserva Fusco.

Esordio positivo a Bagnoli di Davide Pulimeno. «Partita dura inizialmente. Magari un po’ di tensione in avvio, poi abbiamo ingranato e portato il risultato a casa».

Prossimo turno il 1 dicembre. «Contro Pesaro domenica prossima recuperiamo l’argentino Lucas Belgrano e diventiamo più performanti in mischia chiusa. Dobbiamo giocare fino alla fine, come sempre», conclude Fusco. Marchigiani battuti dalla Capitolina 24-10.

U18 maschile : Rugby Napoli Afragola vs Arechi Rugby (43-10)

Oggi al Villaggio del Rugby si sono affrontate due squadre che si conoscono molto bene per aver giocato spesso contro negli ultimi mesi.

Non è stata una bella partita , anzi diciamolo subito è stata piuttosto bruttina.

Ma l’impegno non è mancato. Anzi il forte agonismo ha dato luogo a comportamenti non proprio corretti. A farne le spese il Rugby Napoli Afragola che a causa della giusta espulsione, per un fallo di reazione, di un suo giocatore ha giocato per quasi un’ora in inferiorità numerica.

Alla fine neanche questa condizione è bastata all’Arechi per sottrarsi ad una sconfitta larga anche nelle proporzioni. La maggiore competenza nel gioco e la diversa atleticità hanno scavato un solco tra le due squadre.

Che si è concretizzato nel punteggio finale di 43 a 10 , sette mete a due.

Ora arriva la pausa di questo campionato che, sino ad ora, non ha espresso contenuti tecnici apprezzabili.

Ci rivediamo l’otto Dicembre sul campo degli amici Tigri di Bari.

Di seguito alcuni scatti di Giuseppe Esposito e degli amici dell’Arechi (le gallerie complete sono sulle pagine Facebook del Rugby Napoli Afragola e Arechi Rugby)

Serie C: IV Circolo Benevento vs Rugby Napoli Afragola (26-13)

Prova opaca quella offerta dai ragazzi della Cadetta RNA all’Arena Pietro Mennea di Ariano Irpino contro i padroni di casa del IV Circolo Benevento.

Le condizioni metereologiche non promettevano certo una partita spettacolare anche se, a dire il vero, la pioggia ha concesso una tregua per l’esatta durata dell’incontro.

Poche dunque le azioni alla mano, con i tre quarti raramente innescati se non in situazioni di gioco rotto, e game plan basato soprattutto su avanzamenti al piede.

Il IV Circolo ha costruito la propria vittoria, meritata, sul predominio in mischia chiusa e touche e su un più rapido adattamento al metro adottato dal Direttore di gara sui punti d’incontro.

Pur non essendo inferiori agli avversari nelle fasi di avanzamento palla in mano e nella difesa della linea di vantaggio, i ragazzi del RNA sono apparsi poco (o forse troppo?) convinti delle proprie capacità sia come gruppo che nei singoli individui e poco concentrati, prova ne siano le due mete (sulle quattro subite) incassate rispettivamente allo scadere dei due tempi di gioco.

Una menzione speciale per il mediano d’apertura dei beneventani, Giuseppe Nicastro, autore tra le altre cose di uno splendido calcio in touche da cui è scaturita la prima meta dei padroni di casa, di un prodigioso recupero sulla terza linea avversaria lanciata verso una meta sicura e della segnatura a fine partita che ha regalato il punto di bonus alla propria squadra.

Amatori Napoli vola al secondo posto e supera il Romagna a Cesena

Il Mattino.it, Lunedì 18 Novembre 2019 di Diego Scarpitti

Più su, in alto, dove il cielo è sempre più (verde)blu. Senza scomodare Rino Gaetano, o la cover di Giusy Ferreri, sono momenti perfetti quelli di capitan Alessandro Quarto (votato man of the match) e compagni, che firmano il primo successo esterno stagionale. Amatori Napoli terribile matricola del girone 3, che supera 20 a 8 il fanalino di coda Romagna RFC allo Stadio del Rugby di Cesena. Secondo posto solitario in classifica, alle spalle della coppia di testa Noceto e Toscana Aeroporti I Medicei a 15 punti, con un vantaggio di tre lunghezze sulla Capitolina.
 
«Campo stretto e pesante a causa della pioggia, pallone lento e fangoso, errori di handling hanno causato un po’ di perdita di possessi ma abbiamo giocato attaccandoli con penetrazioni vicine e li abbiamo messi in difficoltà con gli avanti e con le touche», riferisce soddisfatto il migliore di giornata, leader di un gruppo compatto e affratellato dal valore dell’amicizia. I galetti si scontrano con una formazione ben organizzata, che applicano alla lettera i dettami del tecnico Lorenzo Fusco. «Bella vittoria, la squadra si è comportata molto bene, dando segnali di crescita mentale e dominando la gara. Quasi 70 minuti di possesso, campo scivoloso e pallone viscido. Prova di maturità che ci proietta a 14 punti. L’appetito, -come preferisco ripetere-, vien mangiando. Ci aspettano due partite in casa e vedremo dove i ragazzi potranno arrivare». Non si fanno calcoli nel club del presidente Diego D’Orazio.
 
Il primo tempo si chiude sul 10-3 in favore dei napoletani con la meta di Andrea Tizzano al 25’ e la trasformazione di Vincenzo Gargano. Nella ripresa Paolo Gisonni si rende protagonista, siglando la meta al 50’ (trasforma il solito Gargano: 17-3). Lo squillo di Tauro (8-17) precede il piazzato dell’infallibile tiratore-commercialista. Caloroso e speciale il terzo tempo che i giocatori del Romagna hanno riservato all’Amatori.
 
In calendario domenica 24 novembre a Bagnoli la quinta giornata di serie A contro il Perugia e il 1 dicembre tra le mura amiche vs Pagano & Ascolillo Pesaro Rugby, che ha fermato il Noceto 27 a 24.
 
«Ci attende una due giorni con le Fiamme Oro Rugby al nostro villaggio, per andare in meta insieme ai cittadini di domani e favorire la cultura della legalità e il rispetto delle regole. Sarà sicuramente un grande appuntamento con le Fiamme Oro e un’occasione irripetibile: ci confronteremo con i primi della classe», ammette orgoglioso Fusco. Dai migliori c’è sempre da apprendere e fare tesoro dei preziosi consigli. E’ così che si vola nel cielo sempre più blu.

U18 maschile: Amatori Torre del Greco vs Rugby Napoli Afragola (12-43)

Penultimo impegno del mese di novembre per l’RNA , al campo di Boscotrecase ospiti dell’Amatori Torre del Greco.

Una partita che inizia nel migliore dei modi per l’RNA mettendo a segno due mete di cui una sola trasformata.

In questa prima fase il Torre prova ad imporre la propria maggiore stazza fisica nei punti d’incontro.

Ma i nostri ragazzi non arretrano di un centimetro ma anzi con placcaggi in avanzamento riescono a ribaltare spesso le azioni del Torre imbastendo rapide transizioni dalla fase di difesa a quella di attacco.

E proprio in una di queste transizioni che marchiamo la terza meta, 19 a 0 . La meta non viene trasformata.

Ma proprio questa supremazia e il controllo assoluto della partita determinano un abbassamento dell’attenzione. Ne approfitta subito il Torre che marca una meta portandosi sul 19 a 7.

Il Torre chiude il primo tempo in attacco, costringendo per molti minuti l’RNA a difendere nei propri cinque metri. La trincea scavata dai nostri tiene, inducendo all’errore, un in avanti, gli ospiti. Si chiude cosi il primo tempo sul punteggio di 7 a 19.

Nel secondo tempo le squadre srotolano lo stesso canovaccio ma l’RNA a differenza del primo tempo è meno arruffona e piu attenta.

Ed è cosi che una rapida riconquista della palla porta ad involarsi i nostri ¾ sul l’out di sinistra portando il punteggio sul 7 a 24.

Da qui in poi la partita è tutta in discesa e nonostante l’orgoglio e le energie dei ragazzi torresi la partita termina con il punteggio di 12 a 43.

Cosa rimane di questa partita ? La consapevolezza che anche le assenze di giocatori importanti per questa squadra non stravolgono l’assetto di squadra ma anzi esaltano le abilità di squadra.

Per gli aficionados della U 18 vi rimandiamo al 24 novembre per l’ultima partita del mese. Ospiteremo al Villaggio del Rugby gli amici dell’Arechi .