Beach Rugby – Master Finale 2018 – Alba Adriatica

Beach Rugby 2018, due mesi tra impegno e divertimento, ma bisogna essere bravi per dare il giusto peso ad entrambe le cose e i Pirati riescono a gestire il loro carattere ‘vulcanico’ per tutte le sei Tappe che li ha visti impegnati. Con nuovi marinai e vecchi nostromi la nave dei Pirati fa rotta verso Alba Adriatica, approdando con difficoltà in porti conosciuti e intraprendendo nuove rotte, lungo le quali scopre porti accoglienti, dove si concede di “badurlarsi” (dialetto Marchigiano) un po’ in riva al mare.
Diario di bordo del 28 Luglio 2018, Alba Adriatica, ore 10:21 e qualche secondo, ormai come tradizione i Pirati cominciano incontrando i Belli Dentro, il match è di sicuro quello più atteso del girone, la vincente sarà ad un passo dalle semi finali. Purtroppo all’ultimo tictac del direttore di gare il risultato è di 4/2 per i Belli, in un match dove piccoli episodi hanno fatto la differenza. Per la successiva partita contro il Forastici i Pirati devono aspettare circa un’ora. Il bilancio degli ultimi incontri è a favore dei Pirati, quattro vittorie e una sconfitta, ma le statistiche al Master vanno in fumo e a decidere il bellissimo match è la meta di Antonelli, in extra time, che fissa il risultato sul 5/4. Per vedere di nuovo in campo i Pirati bisogna attendere la pausa pranzo e alcune partite del torneo femminile, circa due ore dopo ecco l’incontro con i Campioni d’ Italia, che salgono in cattedra con un netto 8/2. Ora resta la speranza della finale 5/6 posto, ma bisogna battere i Belli de Notte, seconda squadra di quelli che belli lo sono dentro. I Pirati alzano le vele al vento e si impongono per 8/0, restando in attesa della terza classificata del Girone 1, dove i Monster esprimono un bel beach rugby e i Rockets, rivelazione dell’ anno, impongono la loro velocità, sul Bar Bari e Crazy Rats, lasciando il terzo posto alle Sabbie Mobili. Arrivano le 20:30, di fronte Sabbie Mobili e Pirati di Nisida, con questi ultimi subito in vantaggio per 1/0, ma l’esperienza degli ‘Yellow’ li porta prima al pareggio e poi, secondo tempo, in vantaggio, ma i Pirati non mollano e si portano sul 2/2. Si va all’ extra time, il Capitano Mele si aggiudica la battuta, Gargano in regia apre per il taglio di Antonelli che arriva in area di meta, ma commette un in avanti, ripartono le Sabbie e i Pirati gli concedono pochi metri, prima di riconquistare la palla e andare di nuovo in meta con Lauria, ancora una volta non concessa per in avanti. Le azioni sembrano delle fotocopie sia in attacco che in difesa, fino a che il Gargano, sentendosi un piccolo gigante, non decide di battere, fintare un passaggio – non sia mai qualcuno avesse visto di nuovo un in avanti – e andare diritto schiacciando e facendosi schiacciare in area di meta. Quinto posto, miglior piazzamento ad oggi, che aumenta di valore considerando che le prime due del proprio Girone, saranno a fine torneo, la prima classificata Crazy Crabs e la seconda Belli Dentro. Podio per i Rockets e quarto posto per i Monster. Finale 7/8 posto vinta dai Crazy Rats, sui Belli de Notte e nono posto conquistato dai Forastici sul Bar Bari.
Tutti rientrati sani e salvi nel porto di Nisida, dopo la notte di festa dedicata al compleanno del Pirata Adriano Casaccio. Si resta in attesa di qualche cambiamento che possa portare giovamento a chi vorrà vivere in modo professionale questo sport e a chi invece voglia, in modo goliardico, passare una giornata al mare. Perché non sempre, nessuno attore escluso, si riesce a far convivere entrambe le cose.
Buon estate dai Pirati di Nisida.